Caraibico e Kizomba

Kizomba

La Kizomba è un ballo nato in Angola, sviluppatosi negli anni 80/90. Si tratta di una fusione di stili alla cui base vi è Semba, il predecessore del Samba brasiliano. Dal paese africano il ritmo e il ballokizomba si sono diffusi innanzitutto nei paesi di lingua portoghese dell’Africa in fine a Portogallo.

È un ballo sociale di coppia, tutti la possono ballare perché la Kizomba si esegue molto dolcemente, senza forzature ne esagerazioni esibizionistiche e presenta un ritmo lento, elegante ma al tempo stesso sensuale. Il modo in cui ci si muove ha molto a che fare con il tango, ma non è cosi rigido con il movimento del corpo, perché la parte africana ha un’influenza maggiore.

Kizomba, in dialetto Kimbundu oltre ad indicare il genere musicale e lo stile di danza, significa anche festa del popolo, ed è il nome originario della danza dei neri che hanno resistito alla schiavitù.

Bachata

La bachata è un genere musicale latino-americano originario della Repubblica Dominicana che ha dato origine al relativo ballo di coppia.

la musica presenta un suono dolce e melodico. I testi delle canzoni trattano sempre il tema dell’amore in tutte le sue sfumature, a volte in termini idilliaci e a volte in termini drammatici.

Alle sue origini, intorno agli anni 40 del secolo scorso, era diffusa solamente nelle classi sociali più povere della Repubblica Dominicana. I testi delle canzoni esprimevano situazioni difficili che si vivevano in quel contesto sociale. Questo ha fatto sì che la bachata venisse definita come “música de amargue” (“musica da amarezza” in spagnolo) proprio per via della tristezza dei temi trattati.

La borghesia disprezzava questo genere musicale, non solo perché espressione delle classi povere, ma anche perché le movenze tipiche del ballo venivano viste come oscene e volgari. La bachata delle origini, infatti, non presentava molte figure come nell’interpretazione moderna; era un ballo in cui l’uomo e la donna, per tutta la durata del brano, restavano abbracciati dondolandosi ed effettuando un provocatorio movimento d’anca sul quarto battito musicale.

Per circa 40 anni, il genere rimase confinato nella classe sociale più bassa della Repubblica Dominicana: veniva ballato nelle campagne, nei quartieri poveri e in locali malfamati frequentati da prostitute.

A partire dagli anni Ottanta, la bachata subì un processo di rivalutazione grazie ai mezzi di comunicazione e agli sforzi di molti compositori.

Salsa

La salsa è oggi uno degli stili di ballo più amati e praticati dai ballerini di tutto il mondo. Ne esistono diverse tipologie e stili che si sviluppano intrecciandosi alle melodie musicali tipiche di questo genere nato a Cuba verso la fine dell’Ottocento.

Più precisamente, il termine “salsa” appare a New York agli inizi del Novecento, dove nel quartiere spagnolo abitato da emigrati portoricani e cubani, comincia a diffondersi un genere musicale caratterizzato da una fusione di ritmi latini e americani, con uno sguardo rivolto anche a esperienze di stampo jazz e blues. Si tratta di un genere in grado di racchiudere all’interno di unica espressione musicale molteplici stili anche diversi tra loro producendo però quell’effetto originale e caratteristico tipico della salsa che conosciamo. Con il termine salsa viene quindi indicato sia il

page1image27296page1image27456page1image27616page1image27776

ballo di coppia, che il genere musicale che accompagna i passi dei ballerini. Si tratta di note dal tipico sapore caraibico e latinoamericano, che uniscono insieme le tradizioni musicali di più culture.

Il nome sottolinea perfettamente questa mescolanza di più sonorità, tanto che attualmente quando si parla di salsa, ci si riferisce all’insieme di molti generi diversi, dal mambo al chachacha, quasi tutti di derivazione cubana.
La danza che può essere ballata su queste sonorità ritmate e allegre prevede dei passi precisi che possono però essere reinterpretati e arricchiti con coreografie spettacolari da parte dei ballerini professionisti.